Editoriale- Inter, che caos. A.A.A cercasi stabilità

0

L’Inter continua a stare sulla falsariga delle scorse stagioni, quando è partita bene per poi crollare e non riuscire a raggiungere l’obiettivo stagionale. Ma qual è il problema? Perchè succede questo da diversi anni? Quali sono i motivi delle debacle ripetute nel tempo? Ebbene probabilmente il motivo è uno solo, ovvero la mancanza di stabilità.

Che caos!

L’Inter ormai da troppi anni non riesce più ad avere una stagione positiva e a centrare l’obiettivo minimo prefissato ad inizio anno. Tutte le volte che è successo ciò, è iniziata una vera e propria caccia alle streghe, ovvero si è sempre cercato un possibile colpevole a cui addossare la responsabilità di tutti i fallimenti avvenuti negli ultimi anni. I motivi però possono essere diversi ed i colpevoli tanti e continuare a cercare un responsabile, non solo non ha senso, ma risulta persino dannoso. Ciò che probabilmente manca davvero all’Inter che non è più capace di risollevarsi è la stabilità. Stabilità societaria e di squadra. L’Inter ad oggi è davvero un gran casino. Negli ultimi anni non si è fatto altro che cambiare allenatori e comprare giocatori su giocatori, che si sono poi rivelati dei mezzi flop. Non si è fatto altro che scaricare la colpa dei fallimenti ripetuti sull’allenatore, cacciandolo via a metà percorso non dandogli la possibilità di portare a termine il suo progetto tecnico. Ecco cosa manca davvero alla Beneamata e che ora cerca disperatamente. Una stabilità di tipo progettuale.

Cercasi stabilità

L’Inter non sembra in grado di stabilire un progetto a medio-lungo termine e di percorrerlo. E questo perché un club come quello nerazzurro non può permettersi di perdere tempo. Deve necessariamente portare a casa il risultato. Purtroppo però, con questo modo di fare, ha dimostrato più volte che non si va da nessuna parte. Cambiare allenatori in continuazione significa non credere nella bontà del suo progetto, ma il problema nasce ancor prima, con l’acquisto di giocatori non adatti al tipo di gioco dell’allenatore che si è scelto per guidare l’Inter. Ecco che nasce un caos incredibile che crea una vera e propria baraonda nella squadra che non avendo stabilità e serenità, finisce per cadere in un vortice depressivo che rovina tutto. A questo punto non si può fare altro che sperare che a Spalletti non venga riservato lo stesso trattamento riservato ai suoi predecessori. Si spera che finalmente gli si lasci il tempo di forgiare una squadra a sua immagine e somiglianza senza l’assillo del risultato immediato. A.A.A cercasi finalmente stabilità.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.