Editoriale: Le Capolista scendono dal podio, dalla Terza Categoria alla Serie A

Week end strano, dove le Capolista delle due categorie sopra indicate, scendono dal podio. Dalla Terza Categoria alla Serie A, una vittoria e una sconfitta che cambiano le carte in tavola, e rovinano i piani degli avversari.

0

Buongiorno a tutti, come ogni lunedì eccomi qui davanti al pc, con una tazza di the caldo a raccontarvi il mio week end calcistico, OGNI MALEDETTA DOMENICA … sempre presente.

Come prima cosa, prima di arrivare a ciò che vi ho anticipato nel titolo, vorrei focalizzarmi su una parola chiave, la FIDUCIA è una delle cose più importanti. La fiducia è quella sensazione che si dà ad una persona, la sera prima del match, con un semplice messaggio ” DOMANI GIOCHI , DOMANI VINCI NON DELUDERMI MI FIDO DI TE ” ed è la stessa fiducia che abbiamo dato a Spalletti dopo la gara non brillante con il Pordenone. La fiducia viene ricambiata in questo caso nella Terza Categoria dove i leoni di Mister Giberti giocando contro la Corteolonese (prima in classifica) vincono per 2 a 1, e il beneficiario di tanta fiducia gioca un match impeccabile. La stessa fiducia invece viene meno, con l’Inter di Mister Spalletti che contro l’Udinese gioca la più brutta partita della stagione.

Entriamo quindi nel dettaglio dei due match : OLIMPYA vs CORTEOLONESE e INTER vs UDINESE. L’Inter di Mister Spalletti parte dalla Capolista e sfida in casa l’Udinese che naviga in basse acque. L’Olimpya di Mister Giberti sfida in casa la Corteolonese che occupa il gradino più alto della classifica.

A S.Siro si respira un’aria natalizia, sarà la canzone Inter Bells di inizio gara, e i vari cappellini di Babbo Natale distribuiti a render tutto più magico, al Torrevecchia Stadium c’è tensione, la curva è carica, il freddo si fa sentire e di natalizio c’è ben poco se non gli Amen che volano ogni tanto dopo qualche bestemmione.

Inizia il match e mentre a S.Siro l’Inter incassa il primo goal, al Torrevecchia Stadium è l’Olimpya che rifila il primo goal alla Capolista con un tocco magico di Sannino ” ciccio ” il beniamino della curva. A S.Siro la curva non smette di cantare, non smette di sostenere i nero azzurri, e ci pensa infatti Icardi a risolvere la situazione e mettere a segno la rete del pareggio che fa esplodere lo stadio, 1 a 1 al Meazza. Al Torrevecchia Stadium la curva non smette mai di cantare e di incitare i ragazzi, esplodono dei bomboni, e l’allarme di una villetta ci fa compagnia per gran parte del match, la curva esplode di gioia quando grazie ad una prodezza di Vecchio si mette a segno la rete del 2 a 0. I leoni beffano cosi la Capolista che inizia ad innervosirsi. Al Meazza Handanovic fa di tutto per proteggere la porta, ma Miranda, Santon e Brozovic non gli sono d’aiuto, anzi il pallavolista Santon regala con uno splendido tocco di mano il rigore all’Udinese. 1 a 2 per i friulani. Al Torrevecchia Stadium , Handanovic oggi in super forma, anzi no scusate Scicolone, sarà lo stesso completino a confondere le idee, o sarà la sua forma strepitosa di oggi a paragonarlo a lui. Barbagallo, Bianchini, MarinoSannino un muro davanti a lui non passa nulla. Le due capolista si trovano in difficoltà in questo momento e mentre al Meazza cala il gelo con il 3 a 1 per i friulani che chiudono il match, regalando all’Inter la prima sconfitta del campionato dopo 16 gare da imbattuti. Al Torrevecchia Stadium la Corteolonese ci prova a reagire con un goal, ma il match si chiude con la vittoria 2 a 1 dei giallo rossi che scansano dal podio la Capolista e gli regalano la seconda sconfitta stagionale. 

Giù dal podio l’Inter che lascia spazio a Napoli e Juve e finisce in terza posizione. Giù dal podio anche la Corteolonese che, seppur a pari punti ma per differenza reti e sconfitte, scende dal podio lasciando il posto al Guinzano campione d’inverno.

Migliori in campo : da Handanovic di serie A ad Handnovic di provincia ( Scicolone ) , passando per i Bomber del match Icardi , Sannino e Vecchio. Ottima gara della difesa da Skriniar a Barbagallo, da Vecino a Bianchini. Top player Luca Papa che tiene sempre alta la squadra da solo contro tutti con al suo fianco Stefanini. Gara impeccabile per Marino che ci regala una difesa di ferro, tinta di rosso alla fine, del resto ci siamo abituati ai suoi rossi… ci mancavano. Ottima visione di gara di Mister Giberti, mentre prima gara no per Mister Spalletti. Non dimentichiamo Olivari il portiere che riesce a prender rosso anche dalla panchina. E come sempre non si può’ non elogiare Capitan Cocchi , che ancora gode per esser tornato capolista con il suo Napoli, l’uomo del match, la grinta della squadra, il carisma e il tifoso numero uno.

Arbitraggio? ma ne vogliamo parlare? vogliamo rovinare un cosi bell’articolo parlando anche di loro? … mah … diciamo solo due parole, al Meazza Mariani non sembra abbia commesso errori, forse una minima svista sul rigore, dove inizialmente si credeva la palla fosse uscita, ma con il Var, si è visto che la sfera non aveva oltrepassato completamente la linea di fondo, quindi ottima visione del match, anche se…. ci impiegano troppo tempo con questa tecnologia. Al Torrevecchia Stadium Mattia Delucchi si presenta in campo in versione piscina, con degli occhialini fashion da vasca, forse non gli hanno spiegato che veniva ad arbitrare e non a nuotare, apprate qualche cartellino che non ha tirato fuori al momento giusto e quelli che invece ha tirato fuori di troppo alla fine per Marino e Olivari, match gradevole.

Concludo il mio editoriale ringraziando tutti i lettori di Mondo-Inter, tutti i lettori di Olimpya.jimdo augurando a tutti voi un felice e sereno Natale con le vostre famiglie e con chi vi regala un sorriso. Ricordate che la Fiducia serve sempre.

Auguri a tutti e …. ci vediamo Sabato con Sassuolo – Inter #Amala

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.