Focus – Mauro Icardi è innamorato dell’Inter, finirà la carriera a Milano?

0

Poco fa in conferenza stampa Luciano Spalletti ha dichiarato che Mauro Icardi è innamorato dell’Inter e che vorrebbe rimanere a Milano per tutta la carriera. Noi ci chiediamo se sia vera questa volontà del centravanti argentino

In questi giorni si è parlato di Mauro Icardi in direzione Real Madrid, ma oggi in conferenza stampa pre Inter-Cagliari, il suo allenatore Luciano Spalletti si è detto tranquillo del fatto che il centravanti argentino voglia rimanere in nerazzurro per tutta la carriera.

Partendo dal presupposto che il capitano dell’Inter e la società si sono accordati con un contratto oneroso, che il ragazzo merita per quanto è decisivo per la squadra e nel quale è presente una clausola rescissoria valida solo per l’estero e usufruibile solo nei primi giorni di mercato(in modo che poi il club abbia il tempo di rimpiazzarlo), fissata a 110 milioni di euro.

Se invece a volere l’attaccante dell’Argentina fosse un club italiano deve parlarne con il club che ne detiene il cartellino e trovare un’accordo su cifre che presumiamo superino di molto i 110 milioni previsti dalla clausola, oltre a convincere lo stesso a lasciare l’Inter e trasferirsi in un’altro club di Serie A, ipotesi che mi pare estremamente inverosimile.

Icardi si legherà all’Inter a vita come ha fatto Zanetti?

Rispondere a questa domanda non è semplice, ma Maurito ha più volte dichiarato di volersi legare all’Inter per molto tempo. Si, ma quanto tempo? Per tutta la carriera? Io sono fermamente convinto che il centravanti sudamericano voglia ripercorrere le orme del suo idolo Javier Zanetti, che ha legato la sua vita ai colori nerazzurri e nel tempo ne ha interpretato al meglio lo spirito, dentro e fuori dal campo.

Zanetti ha resistito alla corte spietata del Real Madrid ed è così divenuto una leggenda mondiale, una leggenda inevitabilmente legata all’Inter e a ciò che rappresenta per tutti i tifosi nerazzurri nel mondo.

Icardi sarà in grado di ripercorrere le sue orme? A mio avviso, si. Ha tutte le qualità tecniche e umane per divenire oltre che il Capitano universalmente riconosciuto, anche la bandiera del presente e del futuro interista.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.