Inter, top e flop di questo girone d’andata: fra le sorprese…

1

Inter, facciamo il riassunto di questo girone d’andata

Terminato ieri il girone d’andata di questa Serie A 2017/18, più equilibrata che mai. Dati alla mano, questo girone si conclude con 41 punti conquistati dai nerazzurri e con la squadra imbattuta negli scontri diretti. 34 i goal fatti, 14 i goal subiti. Considerando l’umore che vigeva intorno alla squadra ad agosto, dopo un mercato tutt’altro che stellare, il lavoro che Spalletti e i giocatori hanno fatto sin qui non è di certo da sminuire per due sconfitte. Sconfitte evitabili, certo, ma che ci possono comunque stare visto e considerato ciò che si è fatto nei mesi precedenti.

Tra le sorprese di questa stagione, da menzionare sicuramente Skriniar e Vecino. Il primo era arrivato tra i dubbi di molti tifosi che si chiedevano se il giocatore potesse valere il prezzo di mercato. Ad oggi, credo che tutti si siano ricreduti: l’ex Sampdoria ha dimostrato carattere sin dalle prime uscite e, tranne nelle ultime sfide, lo slovacco è stato praticamente perfetto. Il secondo era passato in penombra, ma con le sue accelerazioni coast to coast si è conquistato gran parte dell’affetto dei tifosi. Giocatore fondamentale per il centrocampo nerazzurro, detta i tempi e si sacrifica spesso e volentieri.

Si confermano invece tra i nostri top player sicuramente Handanovic e Icardi. Il portiere ex Udinese è stato fondamentale in molte partite (vedi Crotone ma anche ieri nel match contro la Lazio), mentre il capitano nerazzurro, con 17 gol all’attivo, si è confermato micidiale in area di rigore e, nel suo ruolo, fra i più promettenti, se non già, tra i migliori al mondo. Discorso un pò diverso per Perisic e Candreva: dal primo ci si aspetta sempre qualcosa di più e, dopo un grandissimo avvio di stagione, soprattutto in questo mese il croato è apparso piuttosto stanco e poco decisivo. Candreva invece è sicuramente migliorato rispetto alla scorsa stagione: l’azzurro è stato l’assist man di questa squadra, tanta corsa e tanto sacrificio fanno di lui un giocatore del quale è difficile fare a meno. Tuttavia vanno annoverate anche numerose scelte sbagliate, sia di misura che di giocata in sè.

Fra i peggiori sicuramente c’è Joao Mario. Fra l’Inter e il portoghese non sembra mai esserci stato feeling e, se inizialmente Spalletti lo vedeva come il trequartista titolare, ad oggi nelle gerarchie l’ex Sporting è sotto a Borja Valero e Brozovic. Proprio quest’ultimo rimandato ancora una volta: il croato ha alternato anche in questa stagione ottime prestazioni a partite in cui di lui non si è vista nemmeno l’ombra.

Una menzione fa fatta infine a mister Spalletti, che sta facendo un grandissimo lavoro. Ricordiamo sempre da che stagione veniva questa squadra e quanto la sua mano abbia inciso sia sul gioco che sulla psicologia dei calciatori. Ha recuperato giocatori che sembravano del tutto perduti come Ranocchia e Santon, facendo di Nagatomo un ottimo terzino, addirittura in grado di prendersi il posto da titolare.

Sperando che nel girone di ritorno il rendimento sia lo stesso se non più alto, Mondo-Inter rinnova gli auguri di un felice anno nuovo a tutti i suoi lettori.

 

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

1 Commento

  1. Luca dice

    Questo è l’articolo che stavo aspettando. Condivido a pieno il contenuto! Complimenti a Spalletti, ai ragazzi dell’Inter e a Simone… (sarà il più piccolo del team ma… scrive articoli con una chiarezza e spirito giornalistico che risultano semplici e fanno sempre la differenza). Buon 2018 a tutta la redazione e… Forza Inter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.