L’Inter stringe i tempi: si ricorre al baratto per fare mercato

0

Difficoltà sul mercato

La sessione estiva di  mercato è stata costantemente in salita. Innanzitutto il club nerazzurro non è riuscito finora a liberarsi di parecchi  giocatori che difficilmente faranno ancora parte del progetto tecnico di Luciano Spalletti. Ci si riferisce a uomini come Ranocchia, Nagatomo, Santon, Jovetic e Brozovic. Gente ormai con poco mercato e  con ingaggi troppo sostenuti. Ci sono difficoltà nel mercato in uscita, che non permettono quindi anche  di comprare per i vincoli UEFA. E poi vi è una oggettiva difficoltà a fare venire all’Inter giocatori di alto livello. Questo perchè  la squadra non fa la Champions League ne l’Europa league. Si sa che la vetrina internazionale è fondamentale e convincere gente del livello di Di Maria, Vidal o Nainggolan a fare parte della corte di Spalletti è  un’ impresa titanica, per non dire impossibile.

Sabatini sfodera l’arma del baratto

È  notizia di oggi che l’inter chiude con il Valencia un’operazione a doppio filo: la tipologia di contratto è  un semplice prestito incrociato con eventuale riscatto. I nerazzurri lasciano andare Kondogbia agli Spagnoli che possono fra un anno comprarlo  per 30 milioni ed i nerazzurri prendono in prestito il terzino destro portoghese, con caratteristiche offensive , Cancelo, 24 anni, con la possibilità di riscattarlo per 30 milioni nel 2018.In pratica Sabatini ricorre ad un semplice baratto per potersi liberare  almeno per un anno,  di una zavorra quale era ormai il centrocampista  francese Kondogbia  e risolvere allo stesso tempo il problema di trovare un altro terzino destro,  in alternativa a D’Ambrosio , funzionale alle esigenze di gioco del tecnico toscano. Questa operazione risulta relativamente più fattibile quando i due club si scambiano giocatori di valore di mercato molto vicino ed i tempi per concludere le operazioni sono piuttosto stretti.

Una nuova strada per fare mercato

Il sistema del baratto forse risulterà l’unica strada percorribile in zona Cesarini per quanto concerne il mercato interista, dato che la scadenza del 31 agosto si avvicina inesorabile. Potrebbe essere pure  il caso, ad esempio,  di Schick dai blucerchiati dietro un prestito di Eder che interessa molto al club ligure. Oppure la situazione di Joao Mario da dare in prestito al PSG in cambio di Lucas Moura o Pastore. Chissà che l’Inter non abbia trovato finalmente la strada adatta per sbloccare questa tormentata sessione estiva di mercato. Molti tifosi se lo augurano.

Roberto Berzsenyi

 

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.