L’Inter di Spalletti è Icardi e Perisic dipendente

Sono di Mauro e Ivan i 33 gol su 50. Gaglia e Candreva non segnano da un anno, Rafinha lega ma non tira. Centrocampo timido

0

L’Inter, non può fare a meno della coppia di attacco Icardi e Perisic. Insieme hanno realizzato 33 gol (24 Maurito, 9 il croato), ovvero il 66% del totale dei gol messi a segno dell’Inter.

Nell’analisi di Luca Taidelli, in edicola oggi sulla Gazzetta dello Sport, viene affrontato questo tema sensibile dell’Inter di Spalletti. Pazza per inno e per definizione, l’Inter si conferma senza mezze misure anche in fase realizzativa.

Di 31 gare di campionato, due le ha vinte con cinque reti di scarto (Chievo e Samp) ma in otto occasioni è rimasta a secco. E’ successo in tre delle quattro sconfitte (Sassuolo, Genoa e Torino) e negli scontri diretti contro le prime della classe, quando lo 0-0 sta diventando un marchio di fabbrica spallettiano: due volte col Napoli, una con Juve, Lazio e Milan.

Come in tutte le squadre ma a maggior ragione in questa, il tecnico toscano ha lavorato in primis sulla solidità difensiva. Tanto che solo Juve (18) e Napoli (21) hanno subito meno reti delle 22 interiste. Però la coperta è rimasta spesso corta. La Lazio per esempio ha segnato il 50% di gol in più dei nerazzurri: 75 contro 50.

E malgrado un Immobile bulimico, i bianco celesti spalmano meglio il bottino.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.