Pagelle TS – Karamoh, che sorpresa! D’Ambrosio gol pesantissimo

0

Karamoh una sorpresa per tutti, Danilo decisivo

D’Ambrosio uno dei migliori in campo, se non il migliore per Tuttosport. Il peggiore sembra essere invece Candreva. Ecco le pagelle di InterGenoa.

HANDANOVIC 6.5 Attento e bravo a neutralizzare la conclusione di Omeonga sullo 0-0.
D’AMBROSIO 7 Dietro non è semplice arginare Taarabt, a volte va in affanno, ma il gol – segnato di testa con uno stacco da centravanti provetto – ha un peso specifico pazzesco.
SKRINIAR 6 Perde Pellegri in una sola circostanza, ma il baby rossoblu non è preciso di testa. Per il resto, sempre attento.
MIRANDA 6 Fa valere tutta la sua esperienza negli uno contro uno con Pellegri.
DALBERT 5.5 Il piede è buono, i cross lo dimostrano, ma per ora emerge solo la sua timidezza. Dietro soffre molto Omeonga.
VECINO 6 Nel primo tempo non gira, non trova i giusti sbocchi e si nota poco. Meglio nella ripresa quando si mette a copertura della difesa.
BORJA VALERO 5.5 Pomeriggio a ritmi bassissimi. Paga l’impiego costante. Karamoh (27′ st) 6.5 Che bella sorpresa: entra e spacca la partita con i suoi guizzi. Da un suo tiro nasce l’angolo del gol e, nel finale fa espellere Taarabt.
CANDREVA 5 Inizia bene con due cross pericolosi, poi torna quello abulico e impreciso delle ultime gare. Esce fra i fischi dei loggionisti di San Siro dopo aver mancato un’occasione d’oro per l’1-0. Eder (15′ st) 6.5 Prova ad accendere l’Inter con un paio di conclusioni dalla distanza.
BROZOVIC 6 Gara dai mille volti, ma soppesando le cose buone e quelle meno, viene fuori un match accettabile anche perché Spalletti lo sposta col joystick in tre ruoli diverse. Colpisce anche un palo a fine primo tempo. Fischi ingenerosi, questa volta. Joao Mario (36′ st) 6 Batte l’angolo vincente.
PERISIC 5.5 Sfiora il gol dopo quaranta secondi, chiama alla parata Perin e sforna qualche cross, ma si accende troppo poco per le sue qualità.
ICARDI 6 La cosa migliore della sua partita è un gol salvato con una rincorsa di settanta metri: per Spalletti vale due gol. Davanti si muove molto, ma viene servito poco e non si vede mai al tiro.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.