Aprile 20, 2024

Il layout della Formula E di Tokyo non è “il migliore che potessero fare”, dicono i piloti

2 min read

Il campionato tutto elettrico farà la sua prima apparizione in Giappone questo fine settimana su un circuito di 20 curve e 1,606 miglia, situato nell’area di Big Sight di Tokyo, vicino ai docks.

Il circuito stradale è notevolmente tortuoso e tecnico, con pochi rettilinei a differenza del round precedente a Sao Paulo, che offriva ampie opportunità di sorpasso.

Di conseguenza, i piloti credono che le qualifiche saranno più cruciali del solito, poiché i sorpassi saranno probabilmente molto difficili.

“È una pista da Formula E vera e propria, sarà impegnativa in termini di dossi. C’è una bassa possibilità di sorpasso quindi le qualifiche saranno davvero importanti”, ha detto Norman Nato, pilota Andretti.

“Quest’anno è diverso in termini di comprensione delle gomme, di gestione dell’energia, ora tutti sono più o meno allo stesso livello.

“Nelle qualifiche in Brasile, si è visto quanto le auto fossero vicine quindi non ci sono margini [per gli errori].”

Il circuito ha già subito una modifica al suo layout da quando è stato annunciato per la prima volta, con l’organo di governo FIA che ha aggiunto una chicane attraverso la curva 16 nel tentativo di migliorare la sicurezza in quella sezione del tracciato.

“Non penso che il tracciato sia il migliore che potessero fare ma è il primo”, ha detto il brasiliano.

“Sappiamo che all’inizio devi partire un po’ più conservativo e poi avanzare ma in generale è una pista molto tecnica.

“Bassa velocità, molte buche, questo tracciato somiglia un po’ a New York in un certo senso con il porto.

“Con queste auto, che hanno così tanta potenza, abbiamo bisogno di rettilinei più lunghi, di piste più veloci.

“Il problema è che è molto accidentato e c’è un cambio di elevazione. Con l’aderenza che abbiamo con le gomme, dobbiamo fare davvero attenzione a come applichiamo l’acceleratore.

“Le chicane ti permettono di prendere molti rischi, perché devi correre il rischio per essere veloce.”